Visitare Roma Di Notte

Immagina di avere poco tempo a disposizione per visitare Roma.

Beh ad esempio, tra le tante cose che puoi vedere e fare a Roma in 3 giorni, ti consiglio di approfittare anche delle ore serali e notturne per godertela appieno. Inizia a muoverti non appena il sole sta inviando gli ultimi bagliori del giorno.

Puoi godere l’emozionante tramonto dalla terrazza del Pincio o, meglio ancora, dal Parco degli Aranci all’Aventino: in ognuno di questi due speciali punti di osservazione, godrai della visione del cielo che si tinge lentamente di rosa che poi si indirizza verso un color arancione che poi vira decisamente sul rosso amaranto per poi, farsi inghiottire da un blu cobalto che inizierà a far vedere le prime stelle della sera.

Dinnanzi a te tra i tanti tetti che formano lo skyline, puoi riconoscere il Gianicolo, la cupola di San Pietro e sotto puoi vedere il sinuoso cammino del Tevere che scorre lento e maestoso. Dopo aver respirato l’aria pungente delle ultime ore della sera, puoi tuffarti tra le strade di questa coinvolgente città che è pronta a rispondere ad ogni tipo di turismo.

Puoi incominciare il tuo ipotetico giro, partendo da Castel Sant’Angelo che puoi ammirare in tutto il suo splendore che rivela la possente sua mole immersa tra il verde di giardini e camminamenti, di passaggi e fossati un tempo riempiti di acqua per aumentare la difesa del maniero.

Attraversando il Ponte S.Angelo arricchito di statue di marmo in stile barocco raggiungerai il Lungotevere che ti conduce a Tor di Nona, un tempo popolare rione. Immediatamente alle sue spalle rivivrai le magiche atmosfere de ‘Il segno del comando’, lo sceneggiato degli anni settanta che parlava di Roma e misteri, streghe e fantasmi. Camminando per le viuzze acciottolate con i famosi sampietrini, arriverai a Piazza Navona dove Bernini e Borromini si contesero gli spazi che vedono le loro mirabili opere.

Dalla piazza, hai molte alternative per scegliere dove andare: puoi attraversare Corso Rinascimento e ritrovarti, alle spalle del senato, il Pantheon e da li arrivare a via del Corso dal quale raggiungere Fontana di Trevi e poi Piazza di Spagna e la celebre Trinità dei Monti. Oppure continuare su Corso Vittorio per raggiungere Piazza Argentina dove trovi resti archeologici e proseguire per Piazza Venezia e qui, dopo la visita all’Altare della Patria, imboccare via dei Fori Imperiali per vedere il Foro Romano e, in fondo alla via, raggiungere il Colosseo, il monumento simbolo della città.

Ma se questa Roma ti è già nota, posso suggerirti i luoghi dove si svolge la movida della capitale. Non puoi mancare di visitare il quartiere di Testaccio, ai piedi dell’Aventino. Verso l’unica (vera) piramide esistente a Roma, la Piramide Cestia, inizia una teoria di locali e ritrovi di tendenza dove trovare uno o più luoghi dove trascorrere la serata: dagli scatenati ritmi latinoamericani all’atmosfera più rilassante di locali dove si suona jazz e chillout.

Sempre al centro, a via della Pace si trovano un’altra serie di luoghi deputati per incontrarsi. Anche qui, pub, birrerie, cocktelerie,rumerie si confondono con ristoranti, gallerie d’arte e negozi alternativi dove si respira un’atmosfera alternativa ma anche elitaria.
Altro punto di tendenza lo si trova nelle vicinanze della stazione Termini ed è il quartiere di San Lorenzo dove, negli ultimi anni, si è radunata la gens romanae che ha eletto un popolare quartiere, in una zona border line con decine di locali più che alternativi.

Dopo aver trascorso una notte girando senza traffico per le strade di Roma, chiudere questa avventura con il più classico rito delle notti romane è d’obbligo: andare a vedere il sorgere del sole da dove tutto è incominciato (Pincio o Parco degli Aranci) ma insieme ad una busta di caldi cornetti appena sfornati da una delle tante pasticcerie forno che si trovano in tutte le zone della città.

Per non perderti assolutamente niente, da un’occhiata a questa guida completa per visitare Roma in tre giorni.