Vacanza culturale a Varsavia

Vacanza culturale a Varsavia: tutti i monumenti da vedere

Riscopri Varsavia e tutte le bellezze che ospita: la capitale polacca è una realtà il cui retaggio merita di essere riscoperto

Varsavia è una città bellissima ma tristemente famosa per la sua storia: gran parte di quella che è la città vecchia – denominata Stare Miasto – è infatti stata rasa al suolo durante la seconda guerra mondiale e solo in tempi relativamente recenti è stata ristrutturata e riportata agli antichi fasti.

In ogni caso oggi Varsavia è tornata più viva che mai ed è diventata una meta molto gettonata dai turisti europei e non negli ultimi anni, anche in ragione del fatto che il suo aeroporto è molto ben collegato con il resto d’Europa; un plus non indifferente è anche dato dal comodo servizio autobus che collega Varsavia aeroporto al centro città a un prezzo molto abbordabile, e consente di raggiungere in fretta e senza stress il centro cittadino.

Una volta raggiunto il centro città, le attrazioni da visitare sono davvero molte e sono dislocate sia nella parte nuova che nella parte vecchia della città. Il primo luogo che merita una visita nel quartiere vecchio di Varsavia è la vecchia piazza del mercato denominata Rynek Starego Miasta: un tempo questa piazza ospitava il municipio della città ed è stata completamente distrutta durante la seconda guerra mondiale; tutte le abitazioni sono state poi ricostruite e ristrutturate, in modo da preservare lo stile rinascimentale, gotico e barocco che le contraddistingue.

Seconda tappa d’obbligo è il Castello Reale, che si trova proprio all’ingresso della città vecchia: si tratta di un castello costruito nel secolo XV ed è stato il fulcro intorno al quale si è sviluppata tutta la città di Varsavia. A fare il paio con il castello c’è la Colonna di Sigismondo: eretta nel secolo XVI da Ladislao IV Vasa, e collocata nella piazza del castello, è uno dei simboli della città. Altre attrazioni della città vecchia sono il parco di Lazienkowski, il Palac w Wilanowie – la seconda residenza reale di Varsavia caratterizzata dallo stile barocco delle sue architetture – e il ghetto di Varsavia, che ospita una via dedicata a ricordare le atrocità e i fatti terribili del periodo nazista. La città vecchia è inoltre sede di molti musei, il più famoso dei quali è il Museo Nazionale che ospita la più grande collezione di dipinti e sculture.

Per quanto riguarda la città nuova, invece, è possibile visitare la nuova piazza del mercato – costruita in modo speculare rispetto alla vecchia piazza del mercato – e il Barbacane, una fortificazione difensiva realizzata nel 1548 e progettata dall’architetto italiano Giovanni Battista il Veneziano.

Insomma, Varsavia è una città tutta da scoprire per gli amanti della storia e della cultura e rappresenta un’ottima – e anche economica – idea per una vacanza diversa dalle solite destinazioni europee.