Squero gondole

Squero gondole

La gondola, emblema della città più amata al mondo ha origini antichissime che risalgono al 1094. Essa viene costruita in un apposito cantiere denominato “Squero” per mano di oramai pochissimi artigiani rimasti che con la loro sapiente maestria sanno ancora oggi donare quella forma così asimmetrica da far sognare il mondo intero. Lo Squero, è collocato a ridosso di un canale o di un rio (canali, naturali o artificiali) in modo tale da facilitarne l’accesso all’acqua non solo alle gondole ma anche a tutte le imbarcazioni in legno che vengono portate per la loro riparazione. La gondola è costruita con diversi materiali tutti di primissima qualità. Gli artigiani per coronare questa autentica opera d’arte, impiegano due fasi di lavorazione e, a ognuna di esse, viene dedicato moltissimo tempo affinchè la gondola possa essere finita e messa in acqua per la navigazione. Nel passato la gondola era utilizzata dall’aristocrazia veneziana e provvista di copertura per l’inverno e di apposite tende per mascherarne le persone che vi erano all’interno; tale protezione era necessaria per il riparo dalle intemperie e per la loro incolumità. Con gli anni la gondola ha subito un’autentica trasformazione e oggi viene utilizzata esclusivamente a scopo turistico o, solamente per il centro storico, come “butto”, ossia per il trasbordo dei Veneziani da una parte all’altra del Canal Grande.

Oggi lo Squero può essere visitato e così pure svelate le autentiche fasi per la costruzione e la lavorazione della gondola che da decenni immortala moltissimi scatti fotografici, ispira moltissimi direttori cinematografici e fa innamorare moltissime persone. La gondola può essere utilizzata anche per le persone che decidono di noleggiare la gondola per il matrimonio. La gondola può essere addobbata con i gondolieri in pompa magna oppure utilizzata semplicemente come semplice transfer dal Comune di Venezia al posto desiderato della coppia.

 

 

 

 

venicesunset

Travel Designer e Agenzia Eventi per Venezia e tutto il territorio Italiano

Leave a Reply