SCUOLE, OSPEDALI E COMUNI: BOOM DI RICHIESTE PER BORINATO SECURITY

Dall’ospedale di Vicenza al comune di Gambellara, passando per gli istituti superiori di Chiampo. Circa diecimila installazioni in tutta Italia, l’azienda di Val Liona sta garantendo la sicurezza per gli enti pubblici. Moltissime richieste da parte di scuole: per le materne il dispositivo si trasforma in un orsetto, per le elementari in un boy scout e diventa elegante colonnina per le superiori. Il titolare, Leonardo Borinato: “Controllano la temperatura e disinfettano le mani dei bambini come fosse un gioco, nelle scuole siamo in prima linea nella lotta alla pandemia”

L’emergenza Covid ha stravolto la vita quotidiana, ha ristretto gli spazi d’azione e ci ha costretti a rituali prima impensabili: uso della mascherina, distanziamento sociale, disinfezione di ambienti e mani, controllo della temperatura prima di entrare in negozi o stazioni. Per questo Borinato Security (azienda di di Val Liona, nel Vicentino) ha deciso di brevettare una innovativa colonnina che misura la febbre, igienizza le mani e filtra gli ingressi nei luoghi pubblici garantendo distanziamento sociale e la sicurezza. E’ la prima in Italia ad aver iniziato la commercializzazione dei  termoscanner e il DET2000 è uno dei dispositivi  più evoluti al mondo, e per questo negli ultimi mesi è riuscita ad installare circa diecimila dispositivi in tutta Italia, in particolare in spazi pubblici: ospedali, comuni, scuole, stazioni ferroviarie, location di eventi, musei.

L’elenco delle installazioni è lungo. Nel Vicentino molti i comuni che hanno scelto il prodotto DET2000BT, tra questi Val Liona, Gambellara, Montorso, Zermeghedo, Lonigo, Sarego e Altissimo. Lato scuole, ecco il comprensorio scolastico Val Liona che ha scelto lo strumento sia per le scuole elementari che per le materne e le medie; stessa decisione anche per la Fondazione Centro Produttività Veneto di Chiampo, la scuola Patronato Leone XIII di Vicenza, l’Istituto Piccole Suore della Sacra Famiglia di Isola Vicentina. Per quanto concerne gli ospedali, telecamere termiche installate all’Usl 8 Berica negli ospedali di Vicenza, Arzignano, Lonigo, Noventa e Montecchio Maggiore; ma ha adottato il DET2000 anche l’ospedale di Asiago.

“Stiamo giocando la nostra parte nella lotta alla pandemia e siamo orgogliosi di essere in prima linea in questa battaglia”, commenta Leonardo Borinato, titolare dell’azienda. “I riscontri sempre maggiori che stiamo avendo per le nostre colonnine anti-covid ci riempiono di orgoglio ma soprattutto ci rendono consapevoli che per combattere la pandemia serve mantenere le distanze e igienizzarsi tramite dispositivi a distanza. Per questo gli imprenditori che vogliono tutelare dipendenti e clienti, o i manager pubblici che desiderano la sicurezza in ospedali e amministrazioni comunali si rivolgono a noi”.

Entrando nel dettaglio del prodotto, Borinato e il suo team di professionisti di sistemi di sicurezza e videosorveglianza hanno realizzato l’idea in collaborazione con la T3 Progetti di Vicenza che è specializzata in espositori e colonnine Covid.  Si tratta un tablet, installato in una colonnina, che viene collocato all’ingresso degli spazi pubblici. La persona si avvicina all’ingresso e in un solo secondo la telecamera legge con un sensore termico la temperatura corporea dal volto con una precisione di 0,3 gradi. Inoltre, vede se la persona porta o meno la mascherina. In caso di febbre o mancata protezione, una voce avvisa i presenti della violazione in corso, scatta un allarme che può bloccare le porte automatiche oppure avvisare l’addetto alla reception che qualcuno sta rischiando di moltiplicare il contagio.

Considerato il ritmo crescente di richieste da parte delle scuole, Borinato ha deciso di creare delle colonnine ad hoc per i più piccoli. “Bear Station”, che ritrae un simpatico orsetto e “Scout Station”, un amichevole bambino vestito da boy scout, entrambi dotati di termoscanner per rilevare la temperatura e di dispenser gel automatico con tanto di messaggi vocali personalizzabili. Per gli studenti più grandi, quindi la fascia che comprende dalle scuole medie alle università, Bos dedica invece “Safe Master”, un’elegante colonnina bianca, dotata sempre di termoscanner e di un dispenser manuale a pressione.

“In questo difficile momento, il nostro pensiero è andato subito ai bambini – conclude Borinato – e la soluzione era riuscire a realizzare un dispositivo anti-covid che trasformasse il controllo della temperatura e la disinfezione delle mani in un gioco, che diventerà poi una divertente abitudine per loro”.

SCHEDE DI APPROFONDIMENTO

LA BORINATO SECURITY La Borinato Security, azienda titolare del marchio Bos, nasce nel 2001 come azienda di rivendita e distribuzione per sistemi di sicurezza, videosorveglianza ed automazioni. Il fondatore, Leonardo Borinato, si è specializzato nel settore della videosorveglianza e gestisce l’importazione da aziende produttrici estere e rapporti commerciali con 25 distributori dislocati in tutta Italia. L’azienda oggi ha sede a Val Liona, località Villa del Ferro, nel Vicentino, su un magazzino di oltre mille metri quadri con annessi gli uffici, dove lavorano a tempo pieno una decina di persone. A partire dal 2015 la Borinato Security è partner ufficiale di marchi internazionali come Arecont e Nuuo.

SCHEDA “DET 2000” Il tablet salva-aziende ha caratteristiche tecniche molto innovative, eccole. Misurazione temperatura: margine di errore: ±0.3°C, distanza di lettura da mezzo metro a un metro. Identificazione del volto della persona biometrica: precisione nel riconoscimento volto al 99.5% e distanza di riconoscimento da 0,5 a 2 metri. Database volti: 15.000 volti divisi in blacklist, white list, casual user. Tipi di allarme in caso di violazione: su display, vocale, su app mobile. Informazioni: www.borinatosecurity.it

Leave a Reply