Prendi a noleggio una barca a vela? Ecco come comportarti

BarcavelaChi decide di prendere a noleggio una barca a vela (a tal proosito si può visitare il sito www.quasarsail.it) deve tenere conto delle condizioni particolari della vacanza e del viaggio che sta per affrontare. In mare o nell’oceano, infatti, ogni minimo dettaglio ha un’importanza fondamentale. A cominciare, ovviamente, dall’acqua: non bisogna mai lasciare scorrere l’acqua dai rubinetti se non la si usa. Infatti, in barca non si può disporre di tutta l’acqua che si vuole, e non è detto che i rifornimenti possano essere effettuati in modo immediato: ciò vuol dire che gli sprechi sono da mettere al bando, ed è necessario imparare a usare meno acqua possibile. Per lavarsi, per esempio, è sufficiente una doccia alla sera, che permette di rimuovere il sale dell’acqua marina. In commercio, inoltre, si possono trovare i saponi marini. Un bicchiere d’acqua è più che sufficiente per lavarsi i denti, mentre le stoviglie si possono pulire senza problemi con l’acqua del mare.

Un altro accorgimento è quello relativo al fumo: specialmente se si è in compagnia di altre persone, quando si č in barca è rigorosamente proibito fumare mentre si è sottocoperta. Ci si può accendere una sigaretta, dunque, solo se ci si trova all’aperto, e in ogni caso sottovento alle altre persone. Chiaramente, non bisogna buttare in acqua i mozziconi delle sigarette, che non essendo biodegradabili hanno bisogno di anni per decomporsi. Infine, per avere a disposizione un posacenere sicuro ed efficiente si può ricorrere a una semplice bottiglia di plastica con all’interno un po’ di acqua. In generale, la questione dei rifiuti è piuttosto delicata su una barca a vela: a volte, infatti, può accadere che si sia costretti a conservare l’immondizia per più di un giorno. Il fresco, se adeguatamente separato dagli altri rifiuti, può essere buttato in mare aperto lontani dalle coste, visto che si decompone facilmente; tutto il resto, però, deve essere tenuto a bordo fino a quando non si attracca.

Una volta presa a noleggio la barca a vela, quindi, si può affrontare l’avventura del mare. Gia, ma quale destinazione scegliere? Una meta celebre ma al tempo stesso tranquilla e molto godibile è la Corsica. Per esempio, si può decidere di imbarcarsi a Bastia per poi andare a doppiare Capo Corso, in modo tale da giungere sulla spiaggia di Saleccia per godersi un bagno speciale. Quindi, ci si può spostare verso Saint Florent, una località a dir poco deliziosa, nei cui pressi si trova il porto. Tra le altre tappe obbligate nell’isola francese vale la pena di menzionare Calvi, cittadina alla moda molto frequentata: nella baia davanti al porto – che di solito è piuttosto affollato – sono presenti centinaia di boe che possono essere sfruttate in base alle proprie necessità, anche perché sono piuttosto riparate dal vento e quindi garantiscono tutta la sicurezza di cui c’è bisogno.