Napoli: la città protagonista dell’evento più mondano dell’anno

La moda ha scelto Napoli per un evento che si è rivelato essere di grande impatto mediatico ed artistico; la città è stata inebriata di un’aria diversa che l’ha aiutata a recuperare una luce persa per via delle complicate vicende di cronaca, e non solo, succedutesi in questi anni.

Perché D&G ha scelto Napoli?

Leggendo le molte interviste rilasciate da Stefano Gabbana e Domenico Dolce, il punto che maggiormente risalta è la voglia di comunicare l’originalità di una città che ha incantato il mondo attraverso i racconti dei film neorealisti degli anni ‘50. Il film dal quale i celebri stilisti internazionali hanno tratto ispirazione è: L’oro di Napoli. Diretto all’epoca da Vittorio de Sica, racconta una storia ad episodi che vede protagonisti persone appartenenti alla classe meno agiata.

In questo film è Sophia Loren la protagonista indiscussa della bellezza partenopea che illumina e vivacizza i famosi “vicoli” di Napoli; la semplice passeggiata da donna sicura e seducente che non teme nulla, ha fatto sognare milioni di uomini negli anni.

Sophia Loren, simbolo della bellezza del Sud Italia, è stata difatti nominata madrina dell’evento più mondano dell’anno.

Il riferimento cinematografico è stato di forte ispirazione per il set di Dolce&Gabbana per l’allestimento dei luoghi dove ha avuto luogo la sfilata.
Il perfetto equilibrio tra antico e moderno, tra la semplicità della vita quotidiana ed il lusso sfrenato dei capi d’alta moda è stato pienamente raggiunto.
La testimonianza di questa liaison la vedremo rappresentata nelle splendide foto di Franco Pagetti ( fotografo e reporter di fama internazionale).

Cosa è Napoli per il mondo?

Napoli è la città dell’arte, della musica e della cultura; purtroppo spesso accade che questi aspetti tendano ad essere oscurati dalle notizie negative che circolano nel mondo; la scelta dei celebri stilisti di soffermare l’occhio internazionale su Napoli è stata pensata per offrire uno scenario diverso che riuscisse a sorprendere in positivo.

Chi ha potuto godere di questo momento di “show urbano” ha anche avuto la possibilità di ammirare la bellezza di un paesaggio mozzafiato, di respirare la famosa aria napoletana “frizzantina” e malinconica allo stesso tempo, ma soprattutto ha potuto assaggiare le meravigliose pietanze, tra salato e dolce, che tutto il mondo invidia. Nelle pause delle prove per il grande esordio non sono infatti mancati gli assaggi della celebre “pasticceria Scaturchio” che ha deliziato i palati dei più golosi.

Le feste VIP si sono svolte nei luoghi più suggestivi di Napoli, tra questi: il meraviglioso Castel dell’Ovo con il borgo marinari illuminato dalle splendide luci di famosi ristoranti ricchi della tradizione Napoletana, come il ristorante Zi Teresa, e il seicentesco Palazzo Donn’Anna. Questi luoghi hanno fatto da cornice ad un evento che è stato protagonista di un momento unico.

Da qualche anno a questa parte Napoli ha ripreso a risplendere come un tempo per le sue bellezze naturali, per i suoi paesaggi da cartolina e per la sua cultura artistica; la classica visione della città tutta “pizza e mandolino” è stata messa un po’ da parte in quanto non rappresentativa, nel totale, di una città che ha davvero molto da offrire.