Milo Savic & Friends, un tributo all’Europa, in streaming da Bruxelles

Milo Savic & Friends, un tributo all’Europa, in streaming da Bruxelles

Musica Techno, fuochi d’artificio, effetti speciali e tanto divertimento: la Capitale delle Capitali ha festeggiato la riapertura dei confini tra la maggior parte dei Paesi dell’Unione Europea con Milo Savic & Friends, mega evento trasmesso in streaming su Facebook, quindi accessibile a tutti i cittadini del mondo!

Milo Savic & Friends trasmesso in streaming su Facebook

L’appuntamento era fissato per domenica 14 giugno, a partire dalle 21:00 sulla pagina Facebook di Mini Europe, parco a tema di Bruxelles dedicato alle riproduzioni in scala di tutti i tesori del Vecchio Continente, che ha riaperto al pubblico il 18/5.

Per l’occasione, Mini Europe e il vicino Atomium, monumento simbolo della città, sono tornati a risplendere di mille luci, raggi laser ed effetti speciali, per uno spettacolo unico.

Il protagonista della serata è stato DJ Milo Savic, stella internazionale della scena Progressive House & Electro, che in questi anni ha animato i club più famosi del mondo, condividendo la consolle con artisti del calibro di Faithless, Roger Sanchez, Martin Solveig, Mark Knight e Bob Sinclar.

Insieme a lui sono saliti sul palco diversi volti noti di Tomorrowland, il festival belga di musica elettronica: il sassofonista Sir Charles, il violinista Renato Marquez alias Ollin, cantanti, artisti e acrobati che hanno mescolato il fuoco e la danza, per un risultato ancora più suggestivo.

Un inno alla voglia di normalità che, come la musica e l’entusiasmo, non ha confini. L’evento è stato registrato nell’arco di 2 giorni nel rispetto di tutte le norme anti covid, e avrà anche una finalità benefica: nasce infatti per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla crisi, senza precedenti, che tocca il mondo dello spettacolo e del turismo. Durante la serata è stato possibile effettuare delle donazioni per la King Baudouin Foundation, al fine di sostenere progetti relativi alla musica e alla cultura.

Leave a Reply