MARCIALONGA CYCLING CRAFT DOMANI MIGLIAIA DI RUOTE FINE A FARE…TRE PASSI E MOLTO PIÙ

Predazzo (TN) manda in scena la Marcialonga Cycling Craft numero 9

In 2.000 granfondisti chiamati a cavalcare tre passi dolomitici con salite e discese da sballo

Cunico, Gazzini, Pontalto, Zen, Poeta, Passalacqua e Gentili tra i sicuri protagonisti

Oggi anteprima con Minicycling, Expo e aperitivo in musica

 

 

La Marcialonga chiama i secondi. Tra poche ore, alle 7.30 in punto di domani mattina, Predazzo e le trentine Val di Fiemme e Val di Fassa saranno preda di migliaia di ruote fine, la bellezza di 2.000 ciclofondisti calcheranno le strade dolomitiche per la 9.a edizione della Marcialonga Cycling Craft e la festa vuole essere ancora una volta grande. D’altra parte, quando c’è Marcialonga di mezzo nomi e numeri sono sempre di massimo livello e se, come detto, i concorrenti sono a tre zeri, per quanto riguarda i pronostici di gara i bookmakers sono scatenati.

Allo start di quella che quest’anno è quarta prova del noto Alé Challenge tra Veneto e Trentino ci sarà il mattatore della passata edizione, quel Roberto Cunico a caccia del personale bis e di una bella vittoria che chiuda la sua primavera con il segno… più. E i …più pericolosi per il vicentino sono sulla carta Andrea Tecchio, Emanuele Poeta e Matteo Podestà, con la lista di big che si allunga con i vari Pontalto – vincitore della mediofondo nel 2014 – Bordignon, Orsucci, Zen, Bergamo, Minuzzo, Camozzi e Avanzo. I due percorsi di 80 km e 135 km corrono lungo tutta la Val di Fiemme, entrano per un breve ma intenso passaggio in Alto Adige dove si affronta la salita scaldamuscoli di Monte San Pietro e rientrano in provincia di Trento dal Passo Lavazé (GPM Craft). Da qui si scende veloci verso Tesero e Predazzo dove i mediofondisti dichiareranno chiusa la giornata, mentre coloro che avranno optato per la variante “lunga” troveranno ad attenderli la Val di Fassa con Moena e il Passo San Pellegrino (GPM Itas). Dopo il San Pellegrino si entrerà in Veneto per godersi il Passo Valles e lanciarsi di ritorno verso Predazzo dove concludere la 9.a Marcialonga Cycling Craft omaggiati dal pubblico.

E lungo questi tracciati sarà decisamente stuzzicante anche la sfida al femminile con la trentina Serena Gazzini, prima nella “mediofondo” 2014, a respingere gli attacchi delle ladies Daniela Passalacqua, Claudia Gentili, Emma Delbono, Manuela Sonzogni, Marina Ilmer, Lorna Ciacci e Claudia Avanzi, quest’ultima seconda lo scorso anno sulla variante granfondo.

Dal quartier generale di Marcialonga fanno sapere che tutto è pronto per il week-end, incluse le centinaia di volontari e amici dell’evento trentino schierati in paese a Predazzo ma anche lungo tutto il percorso per garantire la miglior riuscita della gara e soprattutto il maggior divertimento possibile a tutti quanti. Divertimento che inizierà già oggi con il preambolo della Minicycling in centro a Predazzo riservata ai giovani amanti della bicicletta (dalle 15.30) seguita da un aperitivo in musica a cura del Comitato Manifestazioni Locali. Per tutto il giorno e anche domani sarà aperto l’Expo in zona arrivo, ovvero nella piazza principale di Predazzo, mentre va ricordato che la distribuzione pacchi gara e pettorali si svolge durante l’intera giornata di oggi (9.30-12.00 // 14.00-19.00) e domani solamente al mattino dalle 5.30 alle 7.00.

Oltre ai nuovi campioni e campionesse della Marcialonga Cycling Craft 2015, domani sul traguardo di Predazzo si incoroneranno anche i nuovi primi della classe per il Campionato Italiano Maestri AMSI Ciclismo su Strada, e rimanendo in tema sci saranno al via anche due fondisti “di casa” ovvero Giulia Stürz e Cristian Zorzi.

La Marcialonga Cycling Craft è parte della Combinata Punto3 Craft, la classifica di casa Marcialonga che unisce la granfondo invernale, la prova su strada di domani e la Marcialonga Running Coop di settembre. Fino ad oggi sono aperte le iscrizioni alla 9.a Cycling Craft, per saperne di più basta consultare www.marcialonga.it (sezione Cycling), ma anche Facebook o Twitter per gli amanti dei social.