Le Chiese più belle di Napoli

Le Chiese più belle di Napoli

Napoli è una meravigliosa città visitata ogni anno da un gran numero di turisti attratti dal suo immenso e spettacolare patrimonio artistico e culturale. In particolare, la città partenopea affascina i turisti di tutto il mondo con i suoi numerosi monumenti storici, particolarmente maestosi e imponenti. Passeggiando tra le sue stradine è possibile ammirare un gran numero di chiese, alcune delle quali si contraddistinguono per bellezza e storia. La soluzione migliore per scoprire l’immenso patrimonio napoletano di edifici religiosi è alloggiare in uno dei confortevoli ed accoglienti Residence a Napoli.

Tra le più importanti della città si segnala la Cattedrale dedicata a Santa Maria Assunta, ossia il Duomo di Napoli, il quale ospita anche il battistero di San Giovanni in Fonte, il più antico d’Occidente. Di particolare interesse anche la Certosa di San Martino situata sul Vomero, uno dei più riusciti esempi di architettura e arte barocca, al cui interno è ospitato anche il Museo nazionale di San Martino. Altre chiese di particolare bellezza a Napoli sono: la Chiesa del Gesù Nuovo ubicata nell’omonima piazza nel centro storico partenopeo, caratterizzata da un interno riccamente barocco; la Chiesa di San Domenico Maggiore, una delle più importanti di Napoli dal punto di vista storico, artistico e culturale; la Chiesa di San Gregorio Armeno, meraviglioso esempio di arte barocca napoletana, al cui interno è possibile ammirare splendide opere d’arte; la Chiesa di San Lorenzo Maggiore, dove ogni Natale viene allestito un suggestivo presepe a grandezza naturale; la Chiesa dei Girolamini (o Gerolomini), dove sono presenti una prestigiosa quadreria, una ricca biblioteca, due chiostri monumentali e l’oratorio dell’Assunta; e Cappella San Severo, dove è ospitato l’affascinante Cristo Velato, capolavoro scultoreo conosciuto in tutto il mondo per il suo velo marmoreo.

Napoli, così ricca di pregevoli complessi architettonici sacri, è la soluzione giusta per chi ama l’arte religiosa.

Leave a Reply