LA TRADIZIONALE CUCINA BOLOGNESE

LA TRADIZIONALE CUCINA BOLOGNESE

la_tradizionale_cucina_bolognese

Una meta che si consiglia a tutti gli amanti della buona forchetta, italiani e stranieri, è senz’altro Bologna e la sua Emilia Romagna. Una terra riconosciuta in Italia e in Europa non solo per il suo favoloso bagaglio culturale e storico e per la qualità dei suoi servizi cittadini, ma anche per alcune specialità culinarie da far venire l’acquolina in bocca anche a più scettici. Se decidete di pernottare in un hotel o un residence a Bologna, anche per qualche giorno, vi suggerisco di provare queste delizie in uno dei seguenti posti:

  • Al Sangiovese, collocato in pieno centro (praticamente a due passi da Piazza Maggiore), questo ristorante, ottimamente recensito su Tripadvisor, propone delle rivisitazioni originali della cucina tipica bolognese. Consigliati gli strozzapreti al cartoccio e il filetto alla corona di Cesare (filetto alla griglia con speck e spinaci saltati), il tutto accompagnato, chiaramente, da un bicchiere di Sangiovese.
  • I Matti Della Polenta, questo piccolo locale permette di gustare un piatto classico della cucina emiliana, ossia la polenta, in un numero inimmaginabile di varianti.
  • I Carracci, per chi cerca qualcosa di più ricercato questo ristorante (chiamato i Carracci poiché all’interno è affrescato realmente dai fratelli Carracci) offre dei piatti molto raffinati ispirati comunque alla cucina del territorio, alcuni molto particolari come i passatelli con astice, cicoria e culatello;
  • Leoni, leggermente fuori dalle mura, in questo ristorante si cucinano ufficialmente, o almeno stando ad un concorso del 2011, i migliori tortellini di Bologna. Da non perdere!
  • Dal Rosso, questa semplice trattoria, nei pressi di Via Irnerio, si distingue soprattutto per l’alto rapporto qualità-prezzo e per proporre un menù fisso sempre molto caratteristico. Consigliassimo lo stinco di maiale.
  • Trattoria dell’Orsa, luogo cult di Bologna, dallo stile decisamente rustico, propone dei menù diversi ogni sera. L’ambiente è ideale per una serata fra amici, perciò non bisogna dimenticarsi di assaggiare un po’ di lambrusco della casa.
  • Da Vito, ristorante simbolo di Bologna, capace di fidelizzare clienti come Guccini e Gianni Morandi, è fra i più noti della zona dal punto di vista quantomeno folkloristico. Anche se leggermente fuori porta, è, a mio modesto parere,  il posto ideale per assaggiare uno dei classici della cucina bolognese: le tagliatelle al ragù.

Detto ciò Bologna è nota per essere una città sempre molto viva e varia, perciò il mio consiglio è di pernottare in un residence, un hotel o un ostello, e di passeggiare per le vie del centro dando sempre un’occhiata ai menù. Ci sono moltissimi ristoranti e osterie, poco conosciute o appena aperte, che possono preparare piatti da togliere il fiato. Inoltre, assieme ad i piatti che ho sottolineato, poiché i più caratteristici, vanno aggiunti come prodotti tipici del luogo i salumi (la mortadella in primis), le piadine, lo squacquerone e gli squisiti crescioni.

Leave a Reply