La Strada dei Vini da Torgiano a Todi

Segue parte della Strada dei Vini del Cantico il tracciato che collega Perugia a Todi: dimenticate però la superstrada E45 e imboccate le vie secondarie, tra colline disseminate da ulivi, viti e borghi silenziosi. Consigliamo di alloggiare in agriturismo a Todi per apprezzare ancora meglio la strada dei vini di queste zone umbre.

Il vino è da subito protagonista appena lasciata la città. È stato il vino a determinare il destino del piccolo borgo di Torgiano. O meglio ancora fu la famiglia Lungarotti.

Negli anni Sessanta, quando ancora in Italia la produzione vinicola era limitata al consumo domestico o poco più, fu Giorgio Lungarotti a pensare a una produzione di qualità, a introdurre in Umbria uve non autoctone e a cimentarsi in esperimenti di zonazione dando inizio a una nuova tendenza.

Da allora le Cantine Lungarotti gestite dalla stessa famiglia, sono sempre cresciute arrivando a produrre vini d’eccellenza come il Torgiano Rosso Doc-Vigna Monticchio Riserva 2007 (Tre Bicchieri del Gambero Rosso 2013), il bianco Torre di Giano Vigna il Pino Riserva 2008 (Tre Bicchieri 2011) o la recente trilogia dei Brezza, bianco, rosé e rosso da frigo (sì, anche il rosso!).

Con la cantina è cresciuto anche il borgo, dove grazie alla passione di Maria Grazia Lungarotti, esperta d’arte e collezionista, sono nati il MUVIT-Museo del Vino di Torgiano e il MOO-Museo dell’Olivo e dell’Olio. Non una semplice illustrazione delle fasi di produzione ma una testimonianza del legame del territorio con questi due “alimenti” in una visione scientifica e sentimentale insieme, lo si ritrova in molte delle cantine o agriturismo Umbria.

La raccolta del MUVIT è vastissima e comprende documenti etnografici, pezzi antichi dell’Asia Minore, coppe degli anni Venti, altre curiosità come la caraffa-scherzo francese del XVI secolo e una sala delle ceramiche (Deruta è a pochi chilometri) dal Medioevo al Rinascimento. Anche l’allestimento del MOO (con una preziosa collezione di lucerne) sorprende per il concept, che parte dalla diffusione dell’olivo nel mondo fino agli usi dell’olio non solo come alimento.