“LA LEGGENDARIA CHARLY GAUL” A TRENTO, UN DECENNALE NEL SEGNO DI SPORT E CULTURA

Presentata oggi al Castello del Buonconsiglio la 10.a edizione de “La Leggendaria Charly Gaul”

Si pedala fra Trento, il Monte Bondone e la Valle dei Laghi dal 16 al 19 luglio

Due grandi novità per il 2015: “La Moserissima” e la cronometro “tricolore”

Unica tappa italiana dell’UCI World Cycling Tour

 

 

Si è svolta oggi a Trento presso la Sala Grande del Castello del Buonconsiglio la presentazione della 10.a edizione de “La Leggendaria Charly Gaul”, che dal 16 al 19 luglio porterà a Trento migliaia di cicloamatori di tutto il mondo. Venerdì 17 luglio sarà di scena la cronometro di 24 km a Cavedine, nella Valle dei Laghi, mentre domenica 19 luglio toccherà alla prova in linea con “granfondo” e “mediofondo” da 141 e 57 km con partenza da Trento ed epilogo al culmine della salita del Monte Bondone.

Il vernissage odierno, più che una tradizionale conferenza stampa, è stato un vero e proprio talk show sulla falsariga del “Maurizio Costanzo Show” in cui è stata svelata al folto pubblico e ai giornalisti presenti in sala l’edizione del decennale della granfondo, unica tappa italiana dell’UCI World Cycling Tour, cui quest’anno si affiancherà “La Moserissima-1.a Ciclostorica di Trento”, al debutto sabato 18 luglio su piste ciclabili e strade bianche di Trento e dintorni. Fra gli ospiti era presente il sindaco di Trento Alessandro Andreatta, il quale ha voluto evidenziare l’importante impatto de “La Leggendaria Charly Gaul” sul turismo della città di Trento. “In questi anni le presenze sono cresciute in città e sul Monte Bondone e, per quanto riguarda il turismo sportivo, La Leggendaria Charly Gaul è sicuramente l’evento più significativo sia per il grande numero di partecipanti, ma soprattutto perché il territorio viene coinvolto per quattro giornate di gare ed eventi”.

Elda Verones, direttrice dell’APT Trento, Monte Bondone, Valle dei Laghi e deus ex machina del comitato organizzatore, ha poi svelato le principali novità e il programma dell’edizione del decennale che vedrà nuovi eventi affiancare la prova in linea e la cronometro, quest’anno valida anche per assegnare le maglie tricolori del Campionato Italiano FCI Amatori. “Vogliamo celebrare il decennale con una novità storica e una culturale. La prima è la Moserissima, la cicloturistica d’epoca dedicata a Francesco Moser e alla sua famiglia. Si tratta di una ciclo pedalata vintage internazionale non competitiva di 58 km che si sviluppa lungo la Valle dell’Adige, con biciclette da corsa d’epoca costruite prima del 1987. É l’unica tappa del Giro d’Italia d’Epoca in Trentino-Alto Adige e ha già ottenuto il riconoscimento UCI. La seconda novità è rappresentata dalla mostra “Il Cavallo d’acciaio, Storie di ciclismo in Trentino. Da La Leggendaria Charly Gaul a La Moserissima” che ripercorre la storia delle due ruote dalle origini alla fine dell’800 sino ai giorni nostri e sarà ospitata dall’8 al 20 luglio presso la Fondazione Caritro di Via Garibaldi a Trento”.

Innovare è da sempre una parola d’ordine del comitato organizzatore guidato dall’APT e dall’Asd Charly Gaul Internazionale, che puntano ad innalzare di anno in anno gli standard organizzativi, come ha sottolineato Elda Verones: “Siamo partiti con 97 partecipanti nel 2006, lo scorso anno abbiamo raggiunto quota 2500 e anche fra due settimane arriveremo a cifre simili, con l’obiettivo di crescere ancora”. Oltre alla conferma all’interno del circuito UCI World Cycling Tour, l’evento, infatti, viene qualificato ulteriormente da iniziative come il “requisito etico” per contrastare il doping, da aspetti come i ristori, dove verranno serviti prodotti trentini appositamente scelti da un nutrizionista, e soprattutto dalla grande attenzione alla sicurezza con oltre 500 volontari a presidiare gli itinerari di gara assieme alle Forze dell’Ordine. “Quest’anno – ha concluso Elda Verones – vogliamo coinvolgere maggiormente anche la città e la cittadinanza e per questo allestiremo il villaggio della granfondo in Piazza Fiera con l’ufficio gare e tanti eventi di contorno. Ringrazio tutti i nostri collaboratori, 1000 fra volontari e staff, e anche le istituzioni che lavorano con noi per accogliere nel miglior modo possibile tutti i partecipanti che quest’anno giungeranno da ben 40 nazioni di tutto il mondo”.

Francesco Moser, fra un aneddoto e l’altro, ha presentato “La Moserissima”: “In questi 30 anni l’evoluzione tecnica ha cambiato il modo di andare in bicicletta. La pedalata del 18 luglio è una piacevole occasione per divertirsi in sella alle bici di una volta. È curioso che alla ciclostorica si possa partecipare solo con biciclette costruite prima del 1987, anno in cui, guarda caso, ho smesso di correre io”.

Fra gli ospiti anche Aldo Moser, Gilberto Simoni e l’olimpionico Jury Chechi, un grande amico de “La Leggendaria Charly Gaul” che domenica 19 luglio prenderà parte alla gara: “Il primo sport che abbia mai praticato è stato il ciclismo, visto che a 6 anni mio padre mi regalò una bicicletta. Dopo aver concluso la carriera ho avuto tempo di riscoprire la bici e adesso mi piace fare le granfondo come la “Charly Gaul” che non voglio perdermi nemmeno quest’anno”.

Lo show è proseguito con i siparietti dell’”inviato speciale” Jean Jacques (alias il comico trentino Lucio Gardin) ed è terminato quando Elda Verones ha dato a tutti appuntamento dal 16 al 19 luglio per l’edizione del decennale de “La Leggendaria Charly Gaul”, prima dell’immancabile rinfresco finale.

Le iscrizioni a “La Leggendaria Charly Gaul” e “La Moserissima” sono aperte sino a domenica 12 luglio e per tutte le informazioni basta fare riferimento ai siti www.laleggendariacharlygaul.it e www.lamoserissima.it oltre alle pagine dedicate nei diversi social.