La crociera sul Nilo

L’Egitto è un luogo con una storia millenaria e un fascino unico dato dalla presenza delle famose piramidi, lasciate a noi dall’ antica civiltà egizia e il Nilo, uno dei  fiumi più lunghi e belli del mondo.

Certo per noi può essere molto intrigante anche una bella passeggiata con un  barcone sul Tevere che ci faccia vedere tutta la capitale, ma se volete una vacanza dalle forte emozioni vi consigliamo vivamente di vivire  una crociera sul fiume Nilo.

Le tappe più belle della crociera sul Nilo

Se per le vostre vacanze avete scelto l’ Egitto e una bellissima crociera sul Nilo siete obbligati a vedere alcune delle bellezze della terra dei faraoni.

La Valle dei Re

Questa zone dell’ Egitto, nei pressi dalla città di Luxor, ha notevole importanza storica, qui infatti sono stati sepoliti per più di 500 anni, dalla XV alla XX dinastia i sovrani dell’ antico Egitto.

Presso la Valle del Re potrete fare delle visite guidate per ammirare le tombe dei faraoni, ammirando le differenze tra le varie dinastie e l’ arte ornatoria delle tombe egizie.

All’ interno di queste tombe potrete anche ammirare la presenza di corredi e testi sacri, che erano una parte intigrante della sepoltura dei sovrani.

La Sfinge di Giza

Considerata la  più grande attrazione dell’ Egitto, questa meravigliosa costruzione è considerata una delle meraviglie del mondo e si trova nella necropoli di Giza.

La Sfinge raffigura un essere mitologico con il corpo di leone ed il volto umano, costruita insieme alla piramide di Giza attorno al 2500 a.C su indicazione del faraone  Chefren, allo scopo di posizionarla davanti alla piramide dedicata allo stesso faraone.

Questa monumentale opera è stata realizzata  con pietra viva e con alcuni blocchi di roccia, e la parte della testa per l’ erosione dovuta al passare degli anni e per atti vandalici a subito danni con il  naso che ormai non c’ è più.

Il tempio di Luxor

Il tempio più famoso di tutto l’ Egitto, dedicato ad Amon, iniziato a costruire durante il regno di Amenhotep III nel  XIV secolo a. C è continuato con altri faraoni  fino a raggiungere l’ espansione dopo circa 100 anni con il faraone Ramses II.

Nel corso degli anni questo tempio ha subito lavori di ristrutturazione, effettuati da Alessandro Magno e dall’imperatore romano Tiberio.

Abu Simel

Questo sito archeologico, patrimonio dell’ Unesco, è composta da due grandi  templi, che sono situati al fianco della montagna del faraone Ramses II.

Abu Simel presenta sulla sua facciata  quattro statue dedicate al faraone Ramses II, alte  circa 20 metri e che rappresentano il faraone, che indossa le corone dell’ Alto e del Basso Egitto.