La Crescita del Mercato Crocieristico in Italia

Il mercato crocieristico in Europa è riuscito a guadagnarsi un’ inaspettata crescita nel 2012, nonostante la situazione di un’economia difficile e il ricordo ancora bruciante del disastro della nave Costa Concordia, riuscendo invece ad attirare nuovi clienti grazie all’acquisto di navi più grandi e nuove attività e l’aggiunta di diverse e meravigliose nuove mete di destinazione delle crociere, offrendo così un servizio ancora più ampio e completo agli utenti.

Si è trattato di un vero e proprio record: ben 6,2 milioni di europei hanno prenotato una crociera l’anno scorso, con una crescita dell’ 1,3 per cento e lontano dagli aumenti di oltre il 10 per cento registrato degli ultimi 6 anni, secondo un rapporto pubblicato dalla Cruise Lines International Association (CLIA) , ma sicuramente visto come un grandioso successo visto il periodo piuttosto sfavorevole. Il rapporto ha anche mostrato che il settore delle crociere ha contribuito con quasi 38 miliardi di euro all’economia in Europa nel 2012, con un aumento del 3,1 per cento sul 2011. mentre l’Italia ha registrato un aumento dello 0,2 per cento. L’ Italia è riuscita a compensare parzialmente le sue difficoltà economiche interne, grazie alla sua posizione come destinazione di crociera superiore in Europa e grazie al fatto che ha la più grande industria navale crocieristica in Europa.

Le compagnie di punta dei viaggi in crociera hanno cercato di combattere la crisi economica cercando di attirare i viaggiatori più giovani e garantendo sulle loro navi diverse offerte e molte opzioni di intrattenimento possibile per le offerte delle crociere 2014. Ma è anche vero il fatto che l’Italia, sempre nel 2012, è stata la meta prediletta da parte dei turisti provenienti da tutto il mondo, e ciò a conferma del fatto che il nostro Paese rimane sempre il più amato, crisi o non crisi, e che attira sempre un buon numero di visitatori grazie alle sue ricchezze territoriali ed artistiche e soprattutto alla grande gestione delle sue risorse, mezzi di trasporto compresi.

Per quanto riguarda i numeri, c’è da sapere che è stato ben del 12,5 % l’aumento percentuale dei turisti provenienti da tutta Europa e dal resto del mondo, che si sono recati in Italia proprio per prendere parte ad una delle numerose crociere proposte dalle varie compagnie del settore: si parla di 2,08 milioni di crocieristi nel 2012, un numero che ha contribuito a strappare la leadership del mercato crocieristico alla Spagna, fermatasi a 1,21 milioni di passeggeri totali.