La Costiera Amalfitana: un itinerario all’insegna dell’avventura

La Costiera Amalfitana: un itinerario all’insegna dell’avventura

La Costiera Amalfitana è uno dei luoghi più selvaggi ed incontaminati d’Italia. Non si parla solo delle coste a picco sul mare che l’hanno resa rinomata nel mondo, visitata da turisti da ogni angolo del globo, ma anche delle zone più interne, dove la natura prolifera selvaggia e ricca di vita.

In questo articolo vogliamo occuparci proprio delle zone più inesplorate della Costiera, luoghi lontani dal caos dei centri abitati, dov’è ancora possibile vivere quel senso di purezza che solo il contatto con la natura riesce a restituire.

La scena, ovviamente, tende a prenderla il Sentiero degli Dei, ma andando oltre scoprirete anche altri posti degni d’attenzione, ideali per riappacificarsi con il pianeta e sé stessi.

Il Sentiero degli Dei prende la scena perché, come ben noto da chi abita in zona o dagli amanti del trekking, è questo il percorso che bisogna seguire per godersi luoghi contraddistinti da aria pura e panorami da sogno. Ora, non per esagerare, ma non si insulta nessuno dicendo che tali luoghi, dove il tempo sembra rallentare, sono tra i più belli al mondo.

Il percorso non è nemmeno così difficile, specie se affrontato in primavera o in autunno, quando il sole non picchia forte e si riesce ad affrontare al meglio il sentiero. I chilometri da affrontare sono poco meno di 8, percorribili in circa 3 ore. E’ bene, prima di avventurarsi, fare una buona scorta d’acqua e cibarie, durante il cammino vi verrà fame e potrete rifocillarvi mentre sarete al cospetto di un panorama da brivido.

Meno rinomato, ma altrettanto affascinante è il Vallone delle Ferriere, 6 chilometri che dai Monti Lattari, in località Pontone, portano fino ad Amalfi attraverso scenari naturali di fascino indiscutibile.

Tra limoni, felci, torrenti e vecchi ruderi che danno il nome alla valle, vi ritroverete immersi in ambienti d’altri tempi. E’ anche possibile visitare una bellissima cascata, raggiungibile staccandosi dal percorso CAI oppure entrando all’interno della Riserva Naturale Statale della Valle Delle Ferriere. Fate attenzione che l’area è chiusa, alcuni vi si avventurano ma è sempre consigliabile avvisare prima il Corpo Forestale di sede a Pontone.

Chiudiamo i sentieri più belli della Costiera Amalfitana con quello di Punta Campanella, là dove la Costiera si unisce con la Penisola Sorrentina, guardando alla vicinissima isola di Capri.

Il sentiero per Punta Campanella è molto facile e dura appena due ore totali. Si parte da Termini, frazione del comune di Massa Lubrense e si scende verso la punta della Penisola, con il momento più bello quando dalla sommità del Monte San Costanzo potrete godervi panorami mozzafiato. Il percorso è leggermente più impegnativo del normale, ma ne varrà di sicuro la pena.

Una bella idea, per trovarsi già da inizio giornata immersi nella natura, è quella di scegliere un agriturismo sui Colli di San Pietro, in questo caso il consiglio è di visitare: http://www.ilcasaleantico.com/

E’ certo che questi suggerimenti possano tornare utili a chi si accinge a mettersi in marcia per le colline della Costiera Amalfitana, ma è altrettanto ovvio che, se d’avventura si tratta, il bello sarà scoprire passo dopo passo, cosa si nasconde dietro l’angolo, in modo da stupirsi ogni volta, come fosse la prima.

Leave a Reply