Itinerario a vela da Tropea per le Isole Eolie

Sailitalia, società leader nel noleggio barche a vela in italia ha quattro basi nautiche per coprire le aree di maggior interesse nel mediterraneo. Una La Base di Tropea, è una delle più belle città della Calabria, è il punto di partenza ideale per il noleggio barche a vela Eolie. Situata Sulla costa meridionale del Tirreno, domina il mare blu limpido e cristallino con spiagge di sabbia bianca e bellissime formazioni rocciose. Le valli sono fertili e ricche di alberi da frutta, agrumi ed orti.  Tropea ha un interessante profilo storico ed artistico. Ci sono dei bellissimi affreschi nelle numerose chiese antiche. La città ha ben conservato il suo piano della città del XVI secolo. Luoghi di interesse sono Porta Nuova, il Santuario di Santa Maria dell’isola, ed il Museo dei Mestieri Tradizionali della Calabria. Le Isole Eolie distano solamente 30 miglia da Tropea.

LIPARI
Lipari è la più antica e la  più estesa (48 km quadrati) delle isole Eolie. Questa isola alta e scoscesa ha delle spiagge spettacolari e coste incredibili che sorgono direttamente dal mare. Oltre alla città di Lipari, ci sono quattro villaggi sull’isola; Canneto, Acquacalda, Quattropiani e Pianoforte Conte. I turisti che si recano a Lipari possono godere non solo di un mare limpidissimo, ma anche della sua archeologia, della sua arte, di castelli e musei. Nella parte orientale dell’isola si trova il porto di Lipari, che è il più grande delle Isole Eolie, con possibilità di rifornimento di combustibile, acqua e tutti i servizi. C’è possibilità di ancoraggio a Sotto-Monastero, dove arrivano molte navi. È vicino a Marina Piccola, un piccolo villaggio non protetto da venti orientali, nord-orientali e sud-orientali. Il porticciolo di Pignataro è nelle vicinanze, e sebbene sia difficile trovare ancoraggio in banchina, è possibile ancorare subito fuori del porticciolo, che offre protezione da venti occidentali e nord-occidentali.
In caso di variazione improvvisa delle condizioni meteorologiche, è consigliabile lasciare l’ormeggio e spostarsi sull’altro lato dell’isola, tra le Formiche e Punta delle Grotticelle, dove c’è possibilità di un buon ancoraggio, con un mare limpido e cristallino dove fare lunghe nuotate o immersioni. Sul lato settentrionale del porto principale c’è  Monte Rosa  (239 mt), con una spiaggia spettacolare di sabbia bianca e pomice. In passato qui c’era una fabbrica di pomice. Anche Porticello, nella parte nord-orientale dell’isola, vanta belle spiagge. C’è un interessante Museo Marittimo, con rovine romane nelle vicinanze del  Convento situato al di sopra di Sotto-Monastero.

SALINA
Salina è la seconda isola più grande (26.8 km quadrati), ed è soltanto a 2 miglia da Lipari. È l’unica isola delle Eolie con vegetazione folta e fiorente, e con più di 400 tipi diversi di piante che vi crescono.  È anche l’isola con le cime più alte, come i tre vulcani che l’hanno originata: Monte Fossa delle Felci (962 mt), Monte dei Porri (857 mt) e Monte Rivi (854 mt). Ci sono tre villaggi principali: Santa Marina Salina, Malfa e Leni, e cinque villaggi più piccoli: Lingua, Rinella, Valdichiesa, Pollara e Torricella. Il porto principale è Porto Santa Marina, dove c’è possibilità di rifornimento di combustibile, acqua e servizi. Ci sono dei ristoranti eccellenti come Porto Bello, Mamma Satina, e in località Lingua, piccolo villaggio a 2 miglia da Santa Marina, dove sembra che il  tempo si sia fermato 200 anni fa, il ristorante La Cannata. Salina offre una buona protezione da venti forti, e poiché l’isola fornisce l’unico porto sicuro delle isole Eolie, è un luogo molto attivo, dove è difficile trovare ormeggio in banchina. Il lato sud-orientale di Salina, tra Punta Lingua e Santa Marina, permette un buon ancoraggio con protezione da venti occidentali, nord-occidentali e sud-occidentali. Rinella, sul lato meridionale dell’isola, ha un piccolo porto e una bella baia. È un luogo splendido dove fermarsi di notte, ed è qui che fu in buona parte girato il famoso film “Il Postino”. Pollara ha bellissime vedute panoramiche e tramonti incantevoli, ed offre buona protezione da venti orientali, nord-orientali e sud-orientali. Il lato nord dell’isola, vicino Malfa, è un bel posto per una gita giornaliera, ma non è consigliabile sostarvi durante la notte. Salina è un’isola molto bella e ben conservata. Vale la pena noleggiare una bicicletta, uno scooter oppure un’auto, per esplorare l’isola ed ammirare la sua architettura e i suoi scorci mozzafiato.

ALICUDI
Alicudi è la più isolata delle isole Eolie: è un vulcano estinto che emerge dal mare.  Ha spiagge spettacolari ed un interessante panorama subacqueo. L’isola ospita appena 150 abitanti circa, è un luogo molto tradizionale e sembra che qui il tempo si sia fermato più di 100 anni fa.
Non ci sono auto ad Alicudi, soltanto asini. È circondata da acque molto profonde dove è difficile ancorare. L’unico posto indicato per l’ancoraggio, ma soltanto in condizioni meteo-marine buone, si trova tra Scoglio Palomba e Punta Fucile, a sud-est dell’isola.
Alicudi ha un solo villaggio che sorge su Filo dell’Arpa, che offre una spettacolare veduta panoramica. Raccomandiamo Alicudi per una gita di un giorno.

FILICUDI
Filicudi è un’isola bellissima. Anche qui, come ad Alicudi, sembra che il tempo si sia fermato secoli fa. È soltanto da 10 anni che è arrivata l’elettricità. È la più frastagliata delle isole, ed i suoi pendii ripidi, la costa rocciosa e i crateri sono le sue caratteristiche principali. Il cratere più alto è quello della Fossa delle Felci (774 mt). La Grotta del Bue Marino è un’immensa grotta marina, situata a nord dell’isola, che merita di essere  visitata. Per apprezzare la vera bellezza di queste acque si deve esplorare la zona tra Capo Graziano e Pecorini. A Pecorini c’è una piccola banchina, e la possibilità di ancoraggio alla boa (a pagamento), con una buona protezione da venti orientali e nord-orientali. Il piccolo villaggio è ricco di bar e ristoranti. Pecorini è collegata al Porto di Filicudi soltanto da 10 anni, precedentemente il collegamento avveniva solo a mezzo di piccole imbarcazioni. Le acque che circondano questa zona sono considerate le più belle delle isole Eolie: sono ricche di diverse specie di pesce, di grotte e fondali suggestivi. Sul lato est dell’isola c’è il porto principale di Filicudi, dove arrivano traghetti e imbarcazioni.  C’è possibilità di ancoraggio alla boa (a pagamento), con buona protezione da venti occidentali, nord-occidentali e meridionali. Nell’area del porto ci sono inoltre numerosi ristoranti.
La zona tra Punta Perciato e Scoglio Giafante, sul lato sud-occidentale dell’isola, è ricca di baie e grotte suggestive. È consigliabile sostare in queste zone solo durante il giorno.  Nella parte nord occidentale c’è la grande roccia della Canna, una meraviglia naturale che sorge dal mare. Punta La Zotta offre buone possibilità di ancoraggio, di belle nuotate ed immersioni.

STROMBOLI
Stromboli è il più grande vulcano attivo d’Europa dopo l’Etna. È una montagna in pietra lavica alta 924 metri, che si protende fino a 2000 metri sotto il livello del mare. Di giorno si può vedere il fumo della cima che si congiunge con il vapore proveniente dall’acqua, mentre di notte si può vedere il flusso caldo e rosso della lava che scende verso il mare. Ci sono due piccoli villaggi sui lati opposti del vulcano. Stromboli ha le spiagge più nere di tutte le Isole Eolie. Non c’è possibilità di ancoraggio alla banchina nel porto, dove arrivano traghetti e grosse imbarcazioni. L’ancoraggio alla boa è invece possibile sul lato occidentale del porto, con possibilità di rifornimento di combustibile ed acqua. Solo di giorno è possibile ancorare di fronte al bel porto di Ginostra. Sul lato orientale della banchina vi è una spettacolare spiaggia nera, dove però l’ancoraggio è soggetto a restrizioni. C’è possibilità di un buon ancoraggio anche a sud di Ginostra. La profondità varia tra i 100 e i 1000 metri, pertanto è necessario prestare la massima attenzione. È consigliata una bella passeggiata dal porto alla piazza della città, dove ci sono ristoranti, bar e club. Il contrasto fa di Stromboli un luogo veramente magico. La cucina è un misto fantastico di sapori napoletani e siciliani, ed è d’obbligo assaggiare i cannoli e i dolci tradizionali dell’isola. Una passeggiata di circa 30 minuti porta ad un osservatorio-ristorante, con la possibilità di assistere alle eruzioni del vulcano.  Suggeriamo una gita organizzata all’area vulcanica. Da Stromboli, in navigazione verso Panarea, suggeriamo una sosta all’isola di Basiluzzo.  Basiluzzo è disabitata, ed è un luogo ideale per lunghe nuotate, per pescare e fare immersioni. Nelle vicinanze ci sono le piccole isole di Lisca Bianca, Dattilo e Lisca Nera, dove si consiglia solo la sosta giornaliera.

PANAREA
Panarea è la più piccola, ma sicuramente la più pittoresca, delle isole Eolie. Il villaggio principale, Contrada San Pietro, è caratterizzato da un gruppo di case bianche raggruppate lungo il lato orientale dell’isola. Gli altri due villaggi, a nord e a sud di  San Pietro, sono Ditella e Drauto. Panarea è sicuramente la più animata tra le isole Eolie, con le sue discoteche e pub. Non c’è un approdo sicuro, pertanto le imbarcazioni non vanno mai lasciate incustodite. C’è possibilità di ancoraggio accanto alla banchina dove sostano i traghetti, oppure di fronte al famoso club “Raja”, dove c’è buona protezione dai venti. Tuttavia, se al mattino soffiano venti orientali, l’ormeggio in questa zona non è sicuro.  Un buon posto per l’ancoraggio notturno è Baia Milazzese, sul lato orientale di Punta Milazzese. Ad ovest di Punta Milazzese c’è la spettacolare baia di Cala Junco. Ci sono  qui delle restrizioni, così come in tutte le aree circostanti, pertanto raccomandiamo di informarsi in anticipo presso l’ufficio turistico  locale o presso il Comandante del Porto.

VULCANO
Vulcano è famosa per i suoi bagni nelle calde acque delle sue fonti sorgive sottomarine. È circondata da bellissime formazioni terrestri e sottomarine.  Ci sono tre vulcani estinti, inattivi; solo uno di essi ha attive delle fumarole. Un luogo interessante da visitare è il Faraglione della Fabbrica, fuori del Porto di Levante; si tratta di un dirupo, con una piscina naturale rinomata per il fango terapeutico, situata all’interno di una delle sue grotte. Ci sono due baie: Porto di Levante e Porto di Ponente. Porto di Levante offre un buon ancoraggio ed una buona protezione da venti occidentali, nord-occidentali e sud-occidentali. Porto di Ponente è una baia naturale che offre buon ancoraggio e protezione da venti orientali, nord-orientali e sud-orientali. Intorno a tutta l’isola ci sono vedute spettacolari, splendide baie, e formazioni in pietra nera. Le più belle baie per fare lunghe nuotate, immersioni e pesca, si trovano sul lato meridionale dell’isola, tra Punta dei Porci e Porto Bandiera, e sul lato nord-occidentale, tra Punto del Monaco e Testa Grossa. Non c’è possibilità di rifornimento di combustibile ed acqua, possibili invece a Lipari, distante solo 2 miglia.

665x275_barche_a_vela_crociere_isole_eolie_in_barca_a_vela

Leave a Reply