#iorestoacasa e diffondo una cultura libera dalla droga

#iorestoacasa e diffondo una cultura libera dalla droga

Sta diventando “virale” anche il messaggio No alla droga!

In queste settimane, i volontari di Mondo libero dalla droga, continuano costantemente l’attività di prevenzione seppur restando a casa. 

Giornalmente stanno facendo girare sui social i messaggi del sito www.noalladroga.org, opuscoli, corsi online, video e spot sono ormai diventati virali sulle chat dei ragazzi e degli “addetti ai lavori” che condividono con noi questo messaggio. 

Si parla tanto di sequestri, spacciatori, omicidi per droga, traffico multimilionario e ragazzi a rischio; nonostante tutto non esiste un “antidoto” al diffondersi di questa piaga sociale, a parte la presa di coscienza da parte delle persone che, consapevoli del problema, fanno qualcosa per combatterlo. La verità sulla droga è ciò che serve per informarsi e informare!  

Le droghe sono parte della nostra cultura sin dalla metà del secolo scorso. Rese ancora più largamente popolari negli anni 60 dalla musica ai mass media, oggi le droghe invadano tutti i settori della società.

Il problema ha molte facce: dalla manager dedita alla cocaina, alla donna di casa che non è in grado di passare una giornata senza prendere le pillole per la depressione, dallo studente di danza selvaggiamente per tre giorni di fila durante un delirio alimentato dall’ecstasy. Allo scolaro di terza elementare dipendente dal Ritalin.

E’ probabile che quasi tutti conoscono un amico, un parente o un collega affitto dal problema droghe.

L’umanitario, nei suoi studi sulla mente e lo spirito, Ron Hubbard ha scoperto che le droghe sono un impedimento primario al progresso spirituale. Rendono la gente meno consapevole, la escludono dall’osservazione, distruggono l’educazione e i valori umani, disgregano le famiglie e danno luogo ad una miriade di inabilità.

E anche molto tempo dopo che aver smesso di prendere droghe, una persona può continuare ad essere influenzato negativamente da esse poiché rimangono nel corpo, in grado di continuare a scatenare reazioni emotive negative per molti molti anni. 

A volte le conseguenze che comportano non si cancellano con un colpo di spugna! E sicuramente ognuno di noi conosce qualcuno che sta vivendo questa esperienza.

Ecco perché pur restando i volontari continuano a diffondere il messaggio No alla droga!

Condividi queste informazioni con chi ti sta a cuore e presto avrai un amico che ti ringrazierà!!!

A RAVENNA i volontari sono sempre disponibili per informazioni -tel.0544.30080

 

Leave a Reply