Feste patronali e Sagre nel Salento

 

 

Pittule salentine

Le feste patronali e le sagre colorano il Salento per tutto l’anno,sono momenti di incontro e di esaltazione di tradizione cultura popolare e folklore.

Fin da tempi antichi la festa patronale è rimasta un evento sociale attesissimo in ogni paesino,come manifestazione di orgoglio e vanto campanilistico espresso attraverso l’attaccamento al proprio santo-simbolo,quindi soprattutto momento di rafforzamento della propria identità comunitaria;ed ecco momenti di solenne partecipazione ai riti sacri in onore del Santo e commozione di fronte al simulacro che sfila per le strade ,opere di artisti devoti,la gara a portare le pesanti statue a spalla,e  in contemporanea una gara a sorprendere,sfidando gli altri comuni con la bellezza abbagliante e quasi barocca delle luminarie,che allestono la via principale trasformandola nel  corridoio scintillanti di un palazzo ,oltre ai fuochi d’artificio.

Per chi visita i paesi e le città del Salento è sempre una sorpresa l’irrompere della banda musicale itinerante,che fa da corteo alla sfilata della statua del santo per le strade principali,con la musica roboante che rimbalza tra le pareti strette o dilaga sulle piazze:vi sorprende mentre degustate un piatto tipico e tutti si alzano in onore della processione e si riversano sul ciglio della strada a salutare con il segno della croce.

La festa continua dopo la processione con la sagra serale lungo le vie principali:le bancarelle sono una vetrina delle specialità salentine e dell’artigianato locale,mentre la banda suona sulla cassarmonica.

In vacanza nel Salento sicuramente durante il soggiorno non si perderà una o più di queste feste,ma in particolare l’estate nel Salento è il momento delle sagre che sono molto più frequenti con la stagione calda:se piacciono le serate popolari,il cibo casereccio e spartano da gustare in piedi tra risate e musica da ballare scalzi,allora vagare per sagre è uno dei divertimenti da cercare durante la vacanza in Salento;il tema della sagra sarà un prodotto tipico che simboleggia il territorio d’appartenza attorno al quale il tema si dipana con balli e temi culinari o spettacoli.

Solo a Gallipoli ad esempio,ambita meta salentina per le estati scorse e per l’estate 2014,si segnalano oltre alla festa patronale di Santa Cristina a fine Luglio,con una grandissima fiera da non perdere,le sagre dell’anguria a fine Luglio,la sagra del pesce fritto a metà Agosto,la sagra del pesce spada sempre a metà agosto,mentre ad Agosto inoltrato la sagra “te la pittula e te lu purpu”(la pittula è un frittella fatta di acqua,lievito e farina);infine la festa di fine estate a Gallipoli,a metà Settembre.

Chi vorrà progettare la sua vacanza nel Salento potrà quindi anche valutare di pensarla in funzione di questi eventi divertenti,istruttivi e ricchi dall’atmosfera più genuina,senza fronzoli e senza costi,capaci di far sempre sentire a casa!

Per conoscere le tappe e date salentine: Salentoclick.it