Estate 2012 in Salento, La Notte della Taranta

Estate 2012 in Salento, La Notte della Taranta

Negli ultimi anni, il Salento è assurto a meta turistica d’eccezione grazie ad un lavoro di marketing davvero ben posizionato. Non basta, infatti, avere belle spiagge, mare limpido e paesaggi desertici per incentivare i viaggiatori ad arrivare a casa propria, ma occorre reinventarsi ogni volta con qualcosa di nuovo, valorizzando ciò che per natura e tradizione già si possiede. In questo frangete, il Salento ha saputo davvero il fatto suo, promuovendo la propria terra con decine di eventi che puntano prettamente verso il turismo giovanile (e non solo) come La Notte della Taranta.

Proprio La Notte della Taranta si pone come uno di quegli eventi che vanno a valorizzare vecchio e nuovo, in un innesto singolare e sicuramente curioso che ben si addice ai tempi moderni. La taranta altro non è che un ballo tradizionale salentino, che però è tratto da un antico rito popolare volto a guarire la donna tarantolata, ossia pizzicata da un morso di ragno: la tarantola. Spiegare la derivazione religiosa, musicale ed antropologica della taranta non è una cosa semplice, anche perché le sfumature di questa condizione sono estremamente labili, e fra patologia, credenze e voglia di apparire il filo è davvero molto sottile: accadeva, infatti, che alcune donne in età da marito mimassero la pizzicata del ragno per farsi notare dagli uomini che, vedendo “il fuoco” nelle vene delle ragazze in questione, decidessero poi di sposarle.

Oggi, però, tutti questi miti convogliano in un ballo tradizionale, dove fra strumenti tipici e fusciacche parte un corteggiamento virulento fra uomo e donna, ma senza mai toccarsi, perché nel momento in cui la donna si lascia “acchiappare” dal maschio, la danza termina con la concessione da parte di lei delle proprie attenzioni.

L’evento

La manifestazione della Notte della Taranta è un festival itinerante che si svolge ormai da diversi anni in tutto il Salento: ogni sera uno spettacolo diverso in un luogo diverso, un palco allestito nei centri storici, tanta musica, divertimento e l’aria frizzantina tipica delle vacanze dopo un bicchiere di troppo. Per l’edizione 2012 della Notte della Taranta, si partirà dal 7 agosto da Alessano, per toccare, poi, 15 comuni salentini: Calimera, Carpignano Salentino, Castrignano dei Greci, Corigliano d’Otranto, Cursi, Cutrofiano, Galatina, Martano, Martignano, Soleto, Sternatia, Zollino, Lecce e Sogliano Cavour, ed arrivare, infine, alla tappa finale e più importante, quella di Melpignano, dove il 25 agosto si terrà il concertone dell’evento presso il piazzale dell’ex convento degli agostiniani.

L’ultima tappa è un po’ una woodstock casereccia, dove però si snatura la musica tradizionale con mille ed una contaminazione realizzato con gruppi e singoli artisti nazionali ed internazionali, diretti, al solito, da un maestro musicale d’eccezione: quest’anno tale ruolo sarà ricoperto da Goran Brecovic. Infatti, personale giudizio, se volete respirare l’essenza vera della tradizione salentina della taranta, è bene recarvi in una delle tappe precedenti al concertone, dove l’atmosfera più raccolta e la genuinità delle musica si avvicina maggiormente a quella popolare.

Per maggiori informazioni sull’evento salentino, consultate il sito Lanottedellataranta.it.

Leave a Reply