Cosa vedere a Firenze durante una vacanza gourmet

Firenze è una delle città d’arte più belle del mondo ed ogni anno milioni di persone decidono di visitare la città per vivere le esperienze uniche che solo una città d’arte secolare come Firenze può offrire al mondo. Tra le varie cose da vedere in città vi è sicuramente la Chiesa Santa Maria Novella ed il Palazzo Vecchio. Se durante la visita a Firenze si sente la necessità di fermarsi un po’ per riposare e degustare del buon cibo, la città offre numerose alternative di ristoranti gourmet anche con chef stellati Michelin: tra i migliori ristoranti di Firenze c’è la Bottega del Buon Caffè, un dei top ristoranti fiorentini ed adatto anche per situazioni romantiche e di classe.

Tornando alla città, la chiesa Santa Maria Novella di Firenze sorge nella piazza omonima nei pressi della stazione ferroviaria che porta il suo nome. La chiesa, costruita tra il Duecento ed il Trecento da Fra Jacopo Talenti su impulso della locale comunità domenicana, è un fantastico esempio di gotico italiano sulla cui facciata marmorea di colore bianco e verde scuro, suddivisa nella parte inferiore da bellissime arcate, dove spicca il portale del Leon Battista Alberti, di chiara ispirazione rinascimentale.

Il Palazzo Vecchio di Firenze rappresenta invece uno degli emblemi più noti della città. La sua architettura e la torre rappresenta bene il profilo dei palazzi civici del trecento italiano. Denominato in origine Palazzo dei Priori, nel Rinascimento diventa la sede della Signoria e successivamente, con la denominazione di Palazzo Ducale, viene scelto come residenza del Duca Cosimo I de’ Medici. Infine, nel 1565, Cosimo I sposta la sua dimora nel Palazzo Pitti ed il Palazzo dei Priori assume il nome di Palazzo Vecchio. Oggi, oltre ad essere sede municipale con l’ufficio del Sindaco e di alcuni sportelli comunali, è adibito in buona parte a museo che include delle grandi sale dove sono esposte opere di grande valore storico e artistico. La visita al Museo di Palazzo Vecchio parte dal Cortile di Michelozzo, al quale si accede dal portone principale posto su piazza della Signoria. Si arriva poi al Salone dei Cinquecento, uno spazio enorme lungo 54 metri e largo 23. Sulle pareti si ammirano grandi affreschi che descrivono le battaglie vittoriose di Firenze contro Pisa e Siena. Lo splendido soffitto, con numerosi pannelli dipinti dal Vasari, racconta gli episodi più significativi della vita di Cosimo I de’ Medici. Nella nicchia centrale posta nella parte sud del salone è collocato un gruppo marmoreo, di notevole importanza, realizzato dal grande Michelangelo che rappresenta il Genio della Vittoria.