Cosa fare a Venezia a febbraio

Nonostante le brume e la temperatura non certo mite, Venezia diventa la meta più richiesta durante il mese di febbraio e il motivo è presto detto: c’è il Carnevale.
Il Carnevale della città lagunare è uno dei più antichi al mondo e anche uno dei più noti, già nel XIII secolo i dogi avevano stabilito che venisse considerata come festività la vigilia delle Ceneri e consentivano che si girasse mascherati nel periodo che andava dal 26 dicembre fino al martedì grasso. Spettacoli di piazza, danze, musiche, canti e burle tenevano banco per tutte quelle settimane e, con il passare del tempo, a esse si sono aggiunte tradizioni quali il Volo dell’Angelo e la Festa delle Marie. Per secoli Venezia è stata il centro europeo del Carnevale poi, con l’occupazione francese del 1797, le celebrazioni furono abolite per rinascere quasi due secoli dopo, nel 1978.

Partito sottotono rispetto ai fasti passati, in breve il Carnevale di Venezia è tornato in auge e oggi giungono turisti, non solo dall’Italia ma da tutto il mondo per partecipare alla grande festa lagunare. Seppure il suo inizio non sia più il 26 dicembre, ma sia stato posticipato all’inizio di febbraio, le antiche tradizioni sono state riportate tutte in auge e chi si reca nella città lagunare può davvero partecipare a un evento unico. Ogni giorno è animato da diverse manifestazioni di carattere culturale o di intrattenimento e l’ideale sarebbe poter vivere l’intero periodo soggiornando a Venezia per non perdersi proprio nulla ma, a meno che non si decida trascorrere gran parte delle ferie in laguna, di norma ci si accontenta di qualche giorno, nella maggior parte dei casi in corrispondenza dei weekend o in occasione del giovedì o del martedì grasso.

Il soggiorno pone il problema di trovare una sistemazione comoda e non troppo costosa e, a questo proposito, vale la pena ricordare che si trascorrerà fuori gran parte del tempo, perciò è bene scartare l’idea della prenotazione di una camera in hotel e optare per l’affitto di un appartamento a Venezia. In questo modo si avrà completa libertà di movimento e non si sarà legati in alcun modo agli orari in cui vengono serviti la colazione o i pasti.

L’inizio del Carnevale veneziano coincide con l’inizio del mese di febbraio, ma per ragioni turistiche tale data si fa sempre coincidere con il primo weekend del mese.
Per il 2015, la Festa Veneziana sull’Acqua, che dà il via ai festeggiamenti, raddoppia e si tiene sia il mattino del 31 gennaio che quello del 1° febbraio. La festa consiste in un lungo corteo sulle acque del Canal Grande, in cui sfilano le diverse associazioni remiere e centinaia di maschere. All’approdo, a Cannaregio, stand enogastronomici offrono cichetin, fritole e galani per addolcire turisti e maschere. Prima della partenza del corteo si può però assistere a Un Pianista Fuori Posto a Punta Dogana, un concerto che vede il pianista eseguire i brani a 5 metri di altezza su una struttura allestita per l’occasione.

Il 7 febbraio le celebrazioni entrano nel clou con il concorso La Maschera Più Bella che si tiene al Gran Teatro di San Marco. Durante il concorso, il pubblico viene allietato dalle esibizioni di giocolieri, artisti di strada e dalla compagnia di ballo Lindy Hoppers che propone danze dei ruggenti anni Venti e Trenta e ricreano le atmosfere che si respiravano nelle sale da ballo statunitensi in quel periodo.
Nel pomeriggio invece si può assistere al corteo delle Marie, tradizione centenaria che è stata riproposta a partire dal 1999. Dodici ragazze, le più belle di Venezia, sfilano da San Piero di Castello lungo la Riva degli Schiavoni e fino a Piazza San Marco, l’evento si ripete per più giorni, fino alla proclamazione della vincitrice.
Sempre il 7 febbraio, presso l’Arsenale, ha inizio anche Tentazioni Dinner Show, la cena (a pagamento) con spettacolo. Sempre all’Arsenale, a partire dalle 19.00, si tiene anche l’animazione con spettacoli gratuiti, musiche e fuochi d’artificio. Entrambe le manifestazioni vengono ripetute durante tutti i weekend e al martedì grasso.

La mattina dell’8 febbraio si può assistere all’evento più noto del Carnevale di Venezia: il Volo dell’Angelo. Una ragazza vestita elegantemente e legata a una fune scende lentamente dal campanile di San Marco fino alla piazza dove l’attende l’abbraccio del doge. A eseguire il volo, come da tradizione, è la Maria vincitrice del concorso di bellezza dell’anno precedente.
In piazza San Marco sul grande palco intanto si svolgerà la sfilata delle maschere.

Le serate del 10 e 11 febbraio saranno invece animate da concerti e spettacoli teatrali, alla Scuola Giovanni Evangelista si può assistere a Le ventre de Paris, mentre al Teatro Goldoni viene proposto un affresco teatrale della Venezia settecentesca con diversi brani tratti dalle opere goldoniane. La rappresentazione si ripeterà poi il 13, il 16 e il 17.
Il 12 e il 13 febbraio il Carnevale si trasferisce ai Musei Civici con una festa all’interno di Palazzo Ducale. Si svolgeranno attività e performance musicali e teatrali terranno compagnia ai turisti.
Il sabato grasso vede invece una doppia celebrazione al teatro La Fenice, si festeggiano infatti sia il Carnevale che San Valentino e lo spettacolo raddoppia con una rappresentazione pomeridiana e una serale.

Da non perdere poi il Volo dell’Aquila la mattina del 15 febbraio, sempre in Piazza San Marco, mentre al pomeriggio alla Casa dei Tre Oci c’è una mostra di selfie dedicata ai bimbi, che si svolge tra galani e frittelle. Gli amanti della lirica invece possono assistere al Frigorifero Lirico al Teatro Fondamenta Nuove.
Il gran finale, martedì, con lo Svolo del Leon in Piazza San Marco e lo show del mago Silvan a Palazzo Cavalli-Franchetti. Per godere al meglio di tutti questi eventi del carnevale di Venezia, la soluzione ideale è prenotare una casa vacanza in centro storico.