Consigli di Viaggio Anti-truffa

 

Dal web ai tour operator: orientarsi nel mondo delle offerte di viaggio

Ogni volta che organizziamo una vacanza, in maniera autonoma, rivolgendoci a un tour operator o avvalendoci del web, siamo più o meno esposti al rischio di andare incontro a  qualche truffa. Low cost, Last minute, e offerte di vario tipo, pacchetti all inclusive, possono sembrarci allettanti a prima vista, ma trasformarsi, a conti fatti, in un’esperienza da dimenticare. Come fare a non perdere l’entusiasmo e la voglia di partire?

Grazie ad alcuni Consigli di Viaggio sarà possibile restare sempre informati e prudenti su ciò che occorre conoscere in materia di contratti di viaggio, in modo da arrivare preparati al momento della firma del contratto.

Innanzitutto, se abbiamo consultato l’offerta del viaggio su un catalogo cartaceo o digitale, legato a un’agenzia fisica, facciamoci sempre lasciare una copia del contratto. Si tratta di uno dei consigli principali in materia di viaggi. Se invece abbiamo acquistato un pacchetto on-line, assicuriamoci di aver letto bene tutti i punti, le condizioni, e le informazioni sulla vacanza che stiamo per affrontare, in modo da stamparne una copia, e portarla con noi. In questo modo, potremo affrontare con maggiore facilità e trasparenza eventuali disguidi, o soprese che non ci aspettavamo, e che possono verificarsi mentre siamo in viaggio. Quante volte ci sarà capitato per esempio di guardare una stanza d’albergo sul web, che a prima vista sembrava nella norma della categoria indicata, e poi in realtà si è tramutata in un minuscolo vano e con un letto che farebbe concorrenza al mobilio dei sette nani?

Ovviamente non tutte le esperienze sono uguali, e il web rappresenta una comoda ed efficace alternativa alle partenze organizzate completamente da soli, e senza prenotazione alberghiera. Di fatto, grazie alle numerose offerte che si trovano in rete, sarà possibile scegliere sicuramente tra diverse proposte, e se siamo bravi, e pronti a partire anche senza un largo preavviso, potremo risparmiare in termini economici godendoci una vacanza da sogno.

Tra i punti da considerare all’interno del contratto ci sono gli aspetti economici, ovvero i costi complessivi del viaggio, elementi che vanno assolutamente indicati nella copia del contratto e che di norma, non dovrebbero subire significative variazioni di prezzo nel corso del periodo che precede la partenza. Qualora dovesse succederci, e i costi siano aumentati più del 10 per cento, avvaliamoci se lo riteniamo opportuno, del diritto di annullare la prenotazione. Questo può succedere in quanto ci sono aumenti che sono direttamente collegati a una variazione nel prezzo dei trasporti, o alle tasse di imbarco, ma tale variazione deve attuarsi almeno venti giorni prima della partenza. Allo stesso modo, se dovessimo renderci conto che si sono verificati dei cambiamenti nelle condizioni del contratto, possiamo usufruire del diritto di recesso. L’annullamento deve di norma essere comunicato entro due giorni. Per quanto riguarda la normativa, il Decreto Legislativo 79/2011 del Codice del Turismo dichiara che il dépliant deve necessariamente essere esaustivo, fornendo in maniera chiara tutte le indicazioni utili al cliente, dal prezzo ai mezzi di trasporto che saranno utilizzati, e la classificazione degli alberghi.