Come scattare foto in viaggio

Se siete pronti per partire per le vacanze non dimenticate di mettere nella valigia un fotocamera compatta o, meglio ancora, una fotocamera reflex. Durante le vacanze, specialmente se ci si trova all’estero, si ha la possibilità di conoscere luoghi e persone eccezionali; per questo motivo sarebbe certamente un peccato non poter rivivere queste sensazioni. Portando con se la fotocamera sarà possibile, invece, immortalare i migliori momenti della vacanza e riviverli anche dopo anni. In questo articolo vedremo come fare scatti di qualità, durante i viaggi, anche senza essere dei fotografi professionisti.

Innanzitutto però è importante subito sfatare un falso mito: per scattare foto memorabili e interessanti non serve necessariamente una macchina fotografica professionale o costosa; a tal proposito non mancano esempi di stupendi reportage scattati con un semplice dispositivo mobile. Per non parlare del fatto i migliori fotografi di viaggio scattano spesso le fotografie con fotocamera di qualità media. Possiamo insomma tranquillamente affermare che per ottenere delle foto di qualità sono sufficienti anche cinque megapixel. Con questa definizione è infatti possibile ottenere scatti che in teoria potrebbero andar bene per il National Geographic. Per fare un esempio concreto ricordiamo che con una fotocamera Canon D40 (cliccando qui trovate diversi modelli di reflex Canon) si possono scattare foto di viaggio di ottima qualità; questa fotocamera è infatti funzionale, leggera ma al tempo stesso economica.

Tornando invece ai consigli per scattare fotografie di viaggio ricordiamo alcune regole di base:

  • non porre mai il soggetto della foto al centro dell’inquadratura. Il soggetto principale dovrebbe sempre essere decentrato. A tal proposito ricordiamo la famosa regola dei due terzi;
  • anche la composizione è fondamentale. Ad esempio nel caso di un paesaggio poco attraente è preferibile inserire nella composizione anche un elemento in primo piano in modo che ci sia una maggiore senso di profondità;
  • infine ricordiamo di evitare i luoghi comuni. É praticamente inutile fotografare il “solito” tramonto oppure il monumento più famoso. Di foto del genere ne esistono migliaia.