Alla scoperta di Sorrento

Sorrento
Sorrento

Da Napoli a Sorrento c’è appena un’ora di strada, ma la distanza che separa il caos del centro storico e i grandi caseggiati delle periferie dai panorami di Sorrento è ben più ampia.

La cittadina che ha dato il nome alla Costiera Sorrentina è, non a caso, una delle principali mete turistiche della Campania.

Da qui sono passati, innamorandosene, Keats, Byron, Goethe e Nietszche e una volta sul posto è facile capire perchè.

Sorrento sorge su un costone roccioso in tufo e si affaccia su un dislivello di 50 metri sul mare, creando quell’effetto di totale immersione nel blu ininterrotto del mare e del cielo che continua a sedurre il mondo da secoli a questa parte.

Il Vesuvio, l’Isola di Capri, Ischia: dalla terrazza di Sorrento si può abbracciare l’intero Golfo di Napoli in un solo sguardo.

Sorrento è bello girarla a piedi e addentrarsi in vicoletti e piazzette, perchè quel che ha di più bello è un’intangibile atmosfera fatta di sapori e profumi che in nessun altro luogo è possibile trovare.

Qualunque sia l’itinerario seguito per scoprire Sorrento, ogni passeggiata troverà la sosta migliore in uno dei caratteristici caffé di Piazza Tasso, il cuore della città.

La piazza è dedicata al poeta Torquato Tasso, autore della Gerusalemme Liberata nato qui nel 1544.

Mentre sorseggiate un caffè o un limoncello, sarete circondati da barocchi edifici color pastello. Sulla piazza affacciano anche Palazzo Correale, sede di un museo che ospita una collezione di testimonianze greche e romane e dipinti e porcellane di Capodimonte e la cinquecentesca Chiesa del Carmine.

E’ d’obbligo terminare la visita a Sorrento con una sosta al Belvedere della Villa Comunale per conservare l’incredibile panorama come il ricordo più bello.

Per soggiornare in questa straordinaria destinazione, viverne gli aspetti più colorati e fare esperienza dell’ospitalità campana più verace vale la pena prenotare uno dei più frizzanti hotel di Sorrento, con un ricercato ristorante e lounge bar dove scoprire i piatti tipici della cucina partenopea e le più attuali tendenze internazionali.

Leave a Reply